.

Collana in conchiglia corniola, metallo dorato (pinchbeck), smalti
XIX secolo

De Simone Fratelli
Collezione


I DANNI DI GUERRA

Don Michele riesce a tornare a Londra solo nel 1946. Ma Hatton Garden, il prestigioso quartiere dei gioiellieri dove la Michele De Simone & company aveva il suo quartiere generale, è ridotto a un cumulo di polvere e detriti.
I bombardamenti dei tedeschi non hanno risparmiato niente e nessuno. E don Michele è costretto a ingoiare amaro, a incassare in silenzio il danno e a cercare di ricominciare ancora una volta daccapo. Qualche settimana più tardi, don Michele che nel frattempo si è ristabilito in Italia, incontra nella sua città natale, il giovane avvocato Raffaele Torrese. Con lui si confida.
Gli racconta di Hatton Garden, delle macerie che hanno ingoiato una vera fortuna e dell’angoscia che ha provato di fronte a tanta rovina. Il ragazzo gli suggerisce di chiedere al governo i danni di guerra. Una prassi lunga e difficile di cui don Michele addirittura diffida.
Alla fine, però, il commerciante, invogliato da quel brillante avvocato fresco di laurea, si lascia convincere e gli affida la pratica promettendogli la metà del guadagno in caso di vittoria.
Il riconoscimento alla determinazione del giovane civilista, arriva dopo tanto tempo anche grazie all’aiuto di mister Friedline, un gioielliere ebreo che testimonia senza esitazione a favore del collega italiano. Quel rimborso simbolico rappresenta, per don Michele e donna Raffaella, il segno della continuità: la Michele De Simone & company da laboratorio artigiano si consolida azienda internazionale di import-export di coralli, cammei, tartaruga.

© De Simone Fratelli Srl Via Roma, 4 casella postale 230 80059 Torre del Greco Napoli, Italia